Turismo Responsabile - Maradise Viaggi

Vai ai contenuti

Menu principale:

TURISMO RESPONSABILE
Il turismo responsabile è un turismo che fa del bene, a noi e agli altri.

Quando torniamo da un viaggio resopnsabile non solo ci saremo divertiti e riposati, ma sapremo anche di aver dato i nostri soldi alle persone giuste, che li utilizzerano per sostenere le comunità locali e proteggere l'ambiente, persone che lavorano lontano dalla corruzione e dalla mafia, ovunque esse si trovino.

Un turismo equo nella distribuzione dei profitti, rispettoso delle comunità locali e a basso impatto ambientale comporta di ottenere un po' più dalle nostre vacanze offrendo un po' più ai paesi ospitanti.

Il turismo responsabile opera favorendo la positiva interazione tra industria del turismo, comunità locali e viaggiatori.
Ma cosa bisogna fare per essere turisti responsabili?
Il turista responsabile si informa in anticipo su situazione politica e su usi e costumi del paese che andrà a visitare e - una volta giunto a destinazione - si cala in quell'ambiente, facendosi partecipe di ciò che lo circonda, comportandosi nel rispetto delle tradizioni e della natura, assaporando cibi locali e interagendo con la gente del posto.

Il turista responsabile una volta ritornato a casa, riporta un bagaglio ricco di esperienza che ha rimodellato i suoi valori.
Quando si vive una vera esperienza di viaggio si scopre il piacere di poter dare il proprio contributo, con semplici gesti.

Dormendo in piccole strutture ricettive piuttosto che in giganteschi ed anonimi hotel a cinque stelle, acquistando artigianato locale nei mercati e nei piccoli negozi, scegliendo piccoli ristorantini e piatti della tradizione locale o scegliendo per le nostre escursioni guide del posto.

Accettate senza paure e timori il luogo in cui siete arrivati ed osservate genuinamente ciò che vi circonda. Ciò vi permetterà di capire gli usi ed i costumi e di sperimentare una vita sui generis.

Se siete ubicati in prossimità del mare, informatevi su dove vada la gente del posto a nuotare, arrotolate i vostri pantaloni e correte a quella spiaggia.
Osservate come la gente locale si comporta ed interagisce, imparate alcune parole del luogo ed unitevi al gruppo degli anziani a bere un bicchiere di vino o una bevanda locale.

Approfittate dell'opportunità di essere in un posto nuovo e vivete il momento (carpe diem). A volte si riesce a raggiungere la sensazione sublime, primitiva e misteriosa della "perdita del tempo", il non conoscere né giorno, né l'ora in cui si vive...

Evitate la pretesa, tutta occidentale, di conoscere la risposta ad ogni domanda. Adattatevi a chiedere. Il vero viaggiatore responsabile è curioso, partecipa attivamente alla vita locale, crea nuove occasioni ed è sempre alla ricerca di cose interessanti da conoscere. Spesso, dalle comunità locali c'è molto da imparare e poco da insegnare.
Imparerete di più parlando con la donna del negozio vicino o con i ragazzi che gestiscono il bar piuttosto che da un libro, anche se specifico.

Mettete in borsa la vostra macchina fotografica e per alcuni minuti osservate con i vostri occhi ciò che vi circonda, catturando nella vostra mente immagini che non dimenticherete mai più.
Il termine responsabile deriva dal latino respondeo: "che risponde, che è garante di". Il viaggiatore responsabile diventa parte integrante del luogo, in un certo senso entra a far parte della comunità locale ed è consapevole delle proprie azioni. Raggiungere questo obiettivo lontano da casa è davvero un'esperienza eclatante.

Lasciare laggiù una parte di noi rende sereni e soddisfatti di se stessi.
 
C E R C A
Torna ai contenuti | Torna al menu